Fra Hubert Lipiński e’ tornato a Casa del Padre

Giovedì 25 Febbraio 2010 16:13
Stampa

Il 16 dicembre 2009, vigilia dell’inizio della novena del Santo Natale,  è andato alla casa del Padre frà Hubert Lipiński. La liturgia, proprio nel giorno della sua morte, parlava delle cose ultime e preparava gli animi dei fedeli a disporsi alla gioia della celebrazione del Natale, alla nascita del nostro Redentore.

Il brano del vangelo proclamato nel giorno della sua morte, tratto dal Vangelo di Matteo, riportava le parole che Gesù ha rivolto agli inviati di Giovanni il Battista: "Andate e riferite a Giovanni ciò che avete visto e udito: i ciechi riacquistano la vista, gli zoppi camminano, i lebbrosi vengono sanati, i sordi odono, i morti risuscitano, ai poveri è annunziata la buona novella. E beato è chiunque non sarà scandalizzato di me!" (Mt 11, 4-5). La fede nel Cristo, morto e risorto, ci fa proclamare questa certezza, che “la vita, ai nostri fratelli defunti, non è tolta, ma trasformata”.

Nel giorno delle esequie, del caro confratello, la chiesa dei francescani, a Poznań, ha visto tanti confratelli, parenti, amici e fedeli partecipare alla liturgia esequiale. Una partecipazione che, come ha detto frà Manswet Wardyn, guardiano del convento, nel suo saluto iniziale agli intervenuti alla suddetta celebrazione, “è un rispondere ad un invito: quello di frà Hubert per lodare e ringraziare insieme il Signore per quello che gli ha donato, e di raccomandarlo alla sua paterna  misericordia”.

Tra i tanti intervenuti, ricordiamo, la famiglia del caro confratello estinto, S. Ecc.za Rev.ma, Mons. Błażej Kruszyłowicz, OFM Conv; il Ministro Provinciale, frà Adam Kalinowski; il delegato del Ministro generale, frà Jacek Ciupiński; il Vicario Provinciale della Provincia di Cracovia, frà Paweł Dybka; il Vicario Provinciale della Provincia di Varsavia, frà Wiesław Pyzio; il Ministro Provinciale della Provincia Ceca, frà Bogdan Sikora e il già Ministro Provinciale di quest’ultima Provincia, frà Stanisław Gryń; Mons. Jan Kasprowicz, in rappresentanza dell’Arcivescovo Henryk Muszyński, Primate della Polonia; Don Andrzej Mikucki della nativa chiesa parrocchiale del defunto; frà Michał Baranowski, Rettore del Seminario di Łódź-Łagiewniki insieme con i Chierici, frà Rafał Zarzycki formatore dei Postulanti insieme agli stessi, frà Tomasz Lesnak, Segretario della Custodia di Slovacchia, alcuni Frati della Germania e della Custodia di Russia, i rappresentanti di tutti i conventi della Provincia di Danzica, numerosi frati dalle altre Provincie polacche, i compagni di formazione di frà Hubert e, infine, i fedeli provenienti da tutte le comunità ecclesiali, dove il confratello ha svolto, il suo ministero sacerdotale. In particolare quelli della comunità ecclesiale di  Gniezno, dove frà Hubert fino all’anno 2008 è stato parroco.

La liturgia eucaristia, avuta inizio alle ore 12,00 e preceduta dalla celebrazione solenne dell’ufficio delle letture, è stata presieduta da S. Ecc.za Mons. Błażej Kruszyłowicz. L’omelia, invece, è stata tenuta dal Ministro Provinciale, frà Adam Kalinowski. Hanno animato  la liturgia eucaristica con il canto il coro del Santuario mariano dedicato alla Madonna Madre della Consolazione, Signora di Gniezno.

Al termine della liturgia, prima della benedizione conclusiva, è stata data la parola a Mons. Jan Kasprowicz, che ha dato lettura del missiva inviata da S. Ecc.za Mons. Henryk Muszyski, Primate della Polonia. Hanno fatto seguito: frà Jacek Ciupiński, che ha letto la lettera del Ministro Generale dell’Ordine, frà Marco Tasca; Don Andrzej Mikucki e Micha Lipiński, fratello di fra Hubert, che ha rivolto con toni affettuosi e commoventi il suo addio al caro congiunto.

A conclusione del rito esequiale la salma, accompagnata da un folto numero di partecipanti, è stata tumulata nel cimitero di Junikowo, dove vi si trova la tomba dei Frati Francescani.